Onorario di CTU e split payment

La recente circolare n. 9/E del 07.05.2018 dell’Agenzia delle Entrate affronta la questione se per il soggetto obbligato al pagamento del compenso del CTU (Consulente tecnico d’ufficio) debba o meno trovare applicazione la disciplina dello split payment ed arriva a concludere che risulta inapplicabile il regime della scissione dei pagamenti.
Nell’affrontare tale tematica l’Agenzia delle Entrate introduce una novità non di poco conto per chi svolge l’attività professionale di ausiliario del giudice venendo ad affermare che “con riguardo ai compensi e onorari, relativi alle prestazioni rese dal CTU, si è dell’avviso, pertanto, che titolare passivo del rapporto di debito sia la parte esposta all’obbligo di sopportare l’onere economico. Tale soggetto, è tenuto, in base al provvedimento del Giudice – che costituisce titolo esecutivo – al pagamento del compenso per prestazioni professionali rese, al di fuori del sinallagma commissione-prestazione, a favore dell’Amministrazione della giustizia, committente non esecutrice del pagamento. Ne consegue che il CTU deve ritenersi obbligato ad esercitare la rivalsa ex art. 18 del D.P.R. n. 633 del 1972 e ad emettere fattura ai sensi del successivo art. 21 del citato D.P.R. nei confronti dell’Amministrazione della giustizia (cfr. Circolare n. 9 del 1982), in cui si evidenzi, tuttavia, che la “solutio”, avviene con denaro fornito dalla/e parte/i individuata/e dal provvedimento del Giudice”.
Pertanto il CTU deve emettere fattura nei confronti del Tribunale e non più della parte che effettua il pagamento dell’onorario che non potrà detrarre quanto corrisposto al CTU a titolo di Iva.

2 commenti
  1. Iurlo Domenico
    Iurlo Domenico dice:

    Atteso che il CTU deve emettere fattura nei confronti del Tribunale e non più della parte che effettua il pagamento dell’onorario che non potrà detrarre quanto corrisposto al CTU a titolo di Iva.
    Si chiede se tale adempimento (fattura da inviare al Tribunale) è applicabile anche nei casi di mancata esposizione dell’IVA, COME PER IL REGIME FORFETARIO.

    Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *